Itinerarivacanze.com
                            Le tue vacanze online.

Itinerari vacanza-Home

Vacanza e itinerari turistici abruzzesi:il mare,la montagna, i Parchi Nazionali, l' arte, la cultura, lo sport, la gastronomia e attualità in Abruzzo

Web

Digita una "parola chiave" e ti verranno fornite tutte le pagine del sito relative all' argomento cercato. Otterrai tutte le informazioni che ti consentiranno di pianificare le tue vacanze.

Vacanza in Abruzzo

Vacanze Toscana

Vacanze pesca  Vacanza Caraibi Contatti

 Agriturismi Abruzzo



Smettere di fumare
Smettere di fumare nel verde incontaminato d'Abruzzo.
Materiali da costruzione costruire in Abruzzo conoscendo le tecniche, i materiali, ecc....


  
Vacanze Abruzzo - Home

 Montagne Abruzzo

 

 Parco Nazionale d'Abruzzo
  
 Gran Sasso m.ti della Laga
 
 Parco Nazionale Majella
 
 Parco R. Velino Sirente
 
 Riserve naturali - oasi wwf
 
 Agriturismo in Abruzzo

 

 Sport e natura

 

 Percorsi mountain-bike

  

 Mare d'Abruzzo
 
 Neve in Abruzzo

  

 Borghi d'Abruzzo

  

 Archeologia Abruzzo

 

 Attività in Abruzzo

 

 Arte e letteratura
 
 Castelli-Chiese d'Abruzzo

 

 L'Abruzzo a tavola

 

 Sagre in Abruzzo
 
 Musei d'Abruzzo

 

 Eremi d'Abruzzo

 

 Grotte Abruzzo
 
 Pesca in Abruzzo


Itinerari turistici :
Calendario Ittico 2007
Fiume Liri-Valle Roveto(AQ)
Lago del Turano(AQ)
Lago di Campotosto(AQ)
Lago di Penne(CH)
Fiume Pescara (PE)
Lago S. Angelo(CH)
Lago di Bomba(CH)
 

Rifugi e bivacchi

 
 Terme in Abruzzo
 
 Turismo religioso

 

 Attualità in Abruzzo

    Montagne Lazio
 
Turismo Abruzzo: regione verde d'Europa

Itinerari pesca Abruzzo: Lago di Penne (CH)

 Attenzione: purtroppo per motivi tecnici il bacino è stato totalmente svuotato.La fauna ittica è stata, per quanto possibile, recuperata ed immessa in due bacini attigui creati per lo scopo. Non si potrà tornare a pescare sin verso la fine del 2001. La stagione, per quest'anno è totalmente compromessa.

.


Giugno 2001 : Abbiamo avuto conferma che il bacino, regolarmente ricostituito e ripopolato, è stato riaperto anticipatamente rispetto a quanto annunciato, alla pesca, non appena possibile effettueremo un controllo diretto sull’ attuale situazione dandovene prontamente notizia.
Luglio 2001 : Come annunciato sopra ci siamo recati due volte, alla fine del mese scorso, a pesca presso il Lago di Penne, entrambe le volte senza ottenere praticamente alcun risultato. Come già detto e confermatoci dai locali, il pesce a suo tempo tolto dal lago vi è stato reimmesso dopo essere stato conservato in appositi bacini, almeno per quanto riguarda le Carpe. Comunque, vuoi perché l’invaso appena riempito non presenta ancora le caratteristiche adatte quanto a formazione di fondali, microrganismi vari, flora acquatica, vuoi perché il pesce sarà ancora molto sbandato,vuoi perché probabilmente l’effettiva percentuale del pesce recuperato, reimmesso realmente nel lago, non è poi tanto alta, non si vede un’abboccata e dispiace veramente pensare a come era questo posto sino a poco tempo fa.
Vogliamo sperare che con il trascorrere del tempo ed il normalizzarsi della situazione ambientale le cose migliorino e che magari venga effettuato qualche ripopolamento di rinforzo alla fauna ittica locale ora piuttosto “sbatacchiata”.
I presupposti ci sono in quanto, tutte le volte che il bacino è stato vuotato in precedenza ( sì, il giochetto ha diversi precedenti) è sempre tornato,grazie alle sue qualità intrinseche quali tipologia delle acque, clima, ecc…a liveli ottimali nel giro di qualche stagione.

.

Ci piace comunque continuare a riportare qui di seguito la descrizione di come si presentava prima del fattaccio ( dal punto di vista di noi pescatori), in attesa di poterlo descrivere come nuovamente pescoso, una sola raccomandazione  quella qui di seguito riportata non è più la situazione attuale!  
Si tratta di un bacino artificiale, costruito per scopi irrigui, sbarrando con una diga il corso del fiume Tavo in territorio del comune di Penne, nell'entroterra pescarese.
La zona è stata dichiarata " Riserva Naturale" per la conservazione di alcuni particolari esemplari di fauna, in primo luogo la Nitticora ( cicogniforme che nidifica in quest'area) e la Lontra che ha trovato in quest'area un valido rifugio che gli ha offerto la possibilità di riprodursi ed insediarsi stabilmente.
Penne è raggiungibile facilmente con la strada statale che dall'uscita Villanova dell'autostrada Roma - Pescara conduce prima a Cepagatti e successivamente con un andamento che definirei altalenante, giunge sino a questo antica cittadina.
Da Penne seguendo le indicazioni, in un paio di chilometri si giunge al Lago.
Dal punto di vista dell'esercizio della pesca il Lago è popolato da Cavedani, Persici Reali, Carassi e Lucci, è infestato dalle Carpe.
Sì avete letto bene, la presenza della carpa in questo bacino si può veramente ritenere infestante, non si tratterà di esemplari molto grandi, la maggioranza non supera il kilogrammo di peso, ma il numero degli esemplari presenti è veramente abnorme.
Frutto forse dell'obbligo di rimettere in acqua tutti gli esemplari pescati dopo averli eventualmente conservati, in perfetto stato, nelle apposite nasse.
A proposito di regolamenti, per l'esercizio della pesca nel bacino occorre farsi rilasciare un permesso dal costo esiguo ( Lire 1000 sino al 1999), che è reperibile sia al Centro Visita della Riserva Naturale che nell'unico Ristorante Bar posto sulle rive del Lago. Per ogni ulteriore informazione si può contattare la Cooperativa COGECSTRE che gestisce l'area faunistica allo 085/8279489 .
La accessibilità delle rive è limitata sia per la mancata presenza di una strada che contorni completamente il lago, sia perchè, nelle condizioni di acqua alta, piuttosto frequenti ad inizio stagione (maggio per le carpe, anche prima per le altre specie) le rive appaiono piuttosto impraticabili.
Con un pò di pazienza si riesce comunque quasi sempre a trovare una collocazione, la postazione di pesca, in stagione, influisce comunque molto poco sull'esito della battuta, le Carpe sono ovunque.
Per le tecniche da utilizzare occorre fare una distinzione:
Le Carpe abboccano comunque, magari dopo una breve pasturazione con sfarinati, non sono particolarmente esigenti e non occorrono particolari accortezze. Si catturano a passata, all'inglese, a fondo, a legering; esche il mais, i bigattini, i vermi di terra e letame, soprattutto il pasterello.
I Cavedani per contro sono meno numerosi, di buona taglia e sospettosissimi, veramente difficili da convincere all'abboccata, esca principe il bigattino e soprattutto esche alternative come il gatos.
Montature capillari, fili sottilissimi, galleggianti quasi inesistenti.
Lucci e Persici Reali si catturano a spinning, i primi con esche ovviamente più voluminose, rotanti e minnow di buone dimensioni, richiedono comunque una certa costanza nella ricerca ma non lesinano le emozioni.
Complessivamente il giudizio sull'itinerario è buono. Anche se in definitiva il paesaggio non è eccezionale per una Riserva Naturale, dato l'eccesso di insediamenti urbani nelle vicinanze, dal punto di vista della pesca vale una visita per poter dire, dopo qualche ora di pesca, che si è stanchi di cestinare pesci e che cominciano a fare male le braccia.
Lato negativo la monotonia delle catture, sono tutte Carpe che sembrano fatte con lo stampo, di misura non eccessiva, comunque abbastanza combattive, soprattutto quelle a specchi.
Tranne giornate particolarmente negative e molto disturbate dal vento, per altro abbastanza rare, l'unico rischio è di avere alla sera difficoltà a rovesciare in acqua la nassa per ridare la libertà alle catture.
Una ultima raccomandazione, informarsi sempre, soprattutto la domenica, che non siano previste gare di pesca che occuperebbero il già scarso spazio disponibile.