Itinerarivacanze.com
                            Le tue vacanze online.

Itinerari vacanza-Home

Vacanza e itinerari turistici abruzzesi:il mare,la montagna, i Parchi Nazionali, l' arte, la cultura, lo sport, la gastronomia e attualità in Abruzzo

Web

Digita una "parola chiave" e ti verranno fornite tutte le pagine del sito relative all' argomento cercato. Otterrai tutte le informazioni che ti consentiranno di pianificare le tue vacanze.

Vacanza in Abruzzo

Vacanze Toscana

Vacanze pesca  Vacanza Caraibi Contatti

 Agriturismi Abruzzo



Smettere di fumare
Smettere di fumare nel verde incontaminato d'Abruzzo.
Materiali da costruzione costruire in Abruzzo conoscendo le tecniche, i materiali, ecc....


  
Vacanze Abruzzo - Home

 Montagne Abruzzo

 

 Parco Nazionale d'Abruzzo
 
 Gran Sasso m.ti della Laga
 
 Parco Nazionale Majella
 
 Parco R. Velino Sirente
 
 Riserve naturali - oasi wwf
 
 Agriturismo in Abruzzo

 

 Sport e natura

 

 Percorsi mountain-bike

 
Cesacastina - Altovia
Bussi - Forca di Penne
Bussi - Collepietro
S.Sebastiano - Pescasseroli
Le cascate del Rio Verde
Monte Pallano - Val di Sangro
Lago di Bomba - Montebello sul Sangro
Passo S.Leonardo - Lago della Madonna
S.Tommaso di Caramanico - Roccacaramanico
Serramonacesca - Passo Lanciano
Acquabella - Ciampino
 

 Mare d'Abruzzo
 
 Neve in Abruzzo
  
 Borghi d'Abruzzo

  

 Archeologia Abruzzo

 

 Attività in Abruzzo

 

 Arte e letteratura
 
 Castelli-Chiese d'Abruzzo

 

 L'Abruzzo a tavola

 

 Sagre in Abruzzo
 
 Musei d'Abruzzo

 

 Eremi d'Abruzzo

 

 Grotte Abruzzo
 
 Pesca in Abruzzo

 

Rifugi e bivacchi

 

 Terme in Abruzzo
 
 Turismo religioso

 

 Attualità in Abruzzo

    Montagne Lazio
 
Turismo Abruzzo: itinerario in bicicletta, escursioni in mountain-bike nelle Montagne d'Abruzzo regione verde d'Europa.

Escursioni mountain-bike Montagne d'Abruzzo: itinerario Cascate del Rio Verde

Raggiungiamo Quadri pochi chilometri dopo Villa S. Maria, percorrendo la superstrada che attraversa la Valle del Sangro e che dall' Adriatico conduce a Castel di Sangro, per una pedalata di grande interesse naturalistico, partendo dalla zona archeologica di Quadri, dove sono ancora in corso, nel­le immediate vicinanze del campo sportivo a 2 km dal paese, i lavori di scavo che stanno portando alla luce i resti dell'antica città di Trebula.

.

Da Quadri, proseguiamo per meno di un chilometro in direzione Castel di Sangro e svoltiamo a sinistra per Borrello, che raggiungeremo dopo circa 5 km di strada in leggera salita. AI bivio all'entrata del paese, nelle vicinanze di una fontana del 1919, svoltiamo per Rosello, e a 1,5 km incontriamo sulla sinistra le indicazioni per le cascate del Rio Verde; le seguiamo e dopo poche centinaia di metri di strada brecciata, se svoltiamo a destra, raggiungiamo prima un'area picnic sulle rive del Rio Verde, e poi, oltrepassato un ponticello in legno, saliamo al vicino Osservatorio posto sopra le cascate: una balconata su tutta la valle del Sangro e su tut­ti i suoi paesini. Per accedere invece al punto di osservazio­ne delle cascate, al bivio precedente seguiamo la strada in cliscesa e poi scendiamo la ripida ma sicura scalinata che lormina di fronte nella grandiosa ed impervia cascata perenne alta più di 200 m. Proseguiamo in direzione di Borrello, raggiungibile tornando indietro verso il paese e svoltando a sinistra seguendo l'indicazione. Percorriamo la stradina asfaltata in leggera salita tenendoci sulla destra ai due bivi che incontreremo; ai pascoli si sostituiscono boschi sempre più fitti, all'inizio solo di faggi, poi misti di faggi ed abeti bianchi, ed infine, dopo una breve discesa, in prossimità di Pescopennataro, solo di abeti bianchi, grandiosi alberi alti anche più di 50 metri e con diametro fino a 3 metri

.

Qui conviene scendere dalla bici, abbandonare la stradina asfaltata ed inoltrarsi nella conifera, in un paesaggio da grande foresta del nord Europa. Le fioriture che si susseguono dall'inizio della primavera, insieme a tutte le altre varietà di vegetazione presenti, rappresentano un vero paradiso per i botanici, così come i numerosi rapaci quali l'astore, lo sparviero, il gufo e l'allocco, i più piccoli tordi, colombelle, fringuelli, cince e canori ciuffo lotti faranno la gioia non solo degli ornitologi, ma anche di tutti gli altri amanti della natura.
E a pochi chilometri da Borrello, un'altra abetina di 170 ettari: quella dell'Oasi Naturale di Rosello, sorta per iniziativa del WWF a tutela di questi bellissimi boschi di abete che nel passato sono stati oggetto di tagli indiscriminati, e che, comuni sulle Alpi, nell'Appennino centrale sono localizzati esclusivamente in questa zona del medio Sangro, ai confini tra l'Abruzzo ed il Molise.