Itinerarivacanze.com
                            Le tue vacanze online.
Vacanze di pesca sportiva: itinerari turistici (Italia ed estero), materiali e consigli per le tue vacanze pescando nelle acque dolci.
Web

Digita una "parola chiave" e ti verranno fornite tutte le pagine del sito relative all' argomento cercato. Otterrai tutte le informazioni che ti consentiranno di pianificare le tue vacanze.

Itinerari vacanza-Home

Vacanze pesca Vacanza in Abruzzo Vacanza Caraibi Contatti


Smettere di fumare
Smettere di fumare nel verde incontaminato d'Abruzzo.
Materiali da costruzione costruire in Abruzzo conoscendo le tecniche, i materiali, ecc....

  
Itinerari pesca sportiva


    Montagne Lazio
 
Vacanza Lazio: itinerari pesca nelle acque dolci laziali

Itinerari pesca Lazio: pescare nel canale S. Susanna

Nasce in comune di Rivodutri, località S.Maria, da abbondanti e pure sorgenti. Scorre, con portata costante, fra due argini leggermente rialzati, per circa 7 kilometri, al margine nord della piana reatina, sino ad immettersi nel fiume Velino.Lo si raggiunge da Rieti prendendo la vecchia S.S.79 in direzione di Terni, dopo circa 10 kilometri la statale transita con un ponte sul canale in questione. Il corso d'acqua, rispetto al senso di marcia con direzione Terni scorre da destra. Svoltando, dopo il ponte in tale direzione, si incontra prima un tratto riservato alla pesca a mosca NO KILL, poi un breve tratto in cui è consentito pescare normalmente e poi, dal ponte di  S.Maria alle sorgenti una zona permanente di divieto.

fiume lago di scandarello

Invece, tornando qualche centinaio di metri indietro, prima del ponte della S.S. ora menzionato,e prima che la strada compia una curva a destra, è possibile svoltare su una strada secondaria asfaltata (a sinistra per chi proviene da Rieti), quasi di rimpetto ad una trattoria (da Antonietta). Tale strada asfaltata costeggia per un kilometro esatto il canale,ovvero per tutta l'estensione , in questa direzione, della zona riservata alla pesca a mosca NO KILL, abbondantemente tabellata.
Percorso questo kilometro, si ha la possibilità di imboccare ad un bivio sulla destra,una sterrata che, conducendo ad alcuni casali posti più in alto, attraversa con un ponte il S.Susanna; in corrispondenza di tale ponte termina la zona NO KILL anzi descritta e dalla sinistra del ponte, verso valle, inizia la zona dove è consentita la pesca normale ( ovviamente ricordiamo che si tratta di un'acqua di categoria "A" da salmonidi).
Possiamo posteggiare l'auto in prossimità del ponte ed iniziare a pescare: solo a mosca a monte dello stesso,anche con altre tecniche a valle. La qualità delle acque è eccezionale per limpidezza e trasparenza e non risente molto delle eventuali precipitazioni atmosferiche, i fondali sono ricchi di vegetazione ed offrono riparo ad una nutrita popolazione di Trote fario ma anche Iridee, di notevole pezzatura. Le rive del canale, sono rialzate e ne nascondono la vista dalle strade circostanti, sono abbastanza praticabili sino alla primavera (migliori quelle del tratto riservato alla mosca), le cose si complicano con lo spuntare delle foglie ed il rinverdirsi di cespugli ed altra vegetazione di basso fusto che è costantemente presente fra l'argine e l'acqua.
La conformazione del corso d'acqua si presta bene sia alla mosca che allo spinning ed alle varie tecniche di passata. Il problema è proprio la trasparenza dell'elemento liquido che fa si che le trote cominciano a vederci quando...........ci stiamo mettendo gli stivali appoggiati alla nostra  auto.

 


 

Con la mosca, sapendo fare delle pose oculate, senza sbracciarsi troppo sull'argine, e selezionando la mosca giusta per aspetto e dimensione, adatta alla schiusa del momento, si può senz'altro effettuare, con non poche difficoltà, qualche cattura. Con le altre tecniche le cose si complicano non poco ed, esaurite le trote " di vasca" immesse per l'apertura, riuscire ad avere ragione delle "indigene" è davvero cosa riservata a pochi artisti dell'avvicinamento uso marines e dell'esasperazione delle raffinatezze tecniche, prescindendo ovviamente dai possibili risultati del solito superdotato di................................diciamo fortuna. A complicare ulteriormente il quadro già non roseo teniamo presente che la pressione di pesca è alta, le trote, nel tratto NO KILL, sono costantemente rimesse in acqua dopo la cattura e che quindi abbiamo a che fare con pesci che  sanno leggere, scrivere e far di conto e pare si siano iscritte in massa a corsi universitari di fisica nucleare.............
Però è così bello, questo S.Susanna, che vale veramente la pena di dedicargli qualche uscita. Un'ultima precisazione, siamo in Provincia di Rieti e per pescare occorre il relativo tesserino.